Berry certifica ISCC Plus due siti italiani

Gli stabilimenti di Osnago e Sirone producono imballaggi farmaceutici e dispositivi medicali. Ora anche con riciclato attribuito mediante mass balance.

Berry Global ha certificato ISCC PLus (International Sustainability and Carbon Certificate) due stabilimenti italiani della divisione Healthcare, a Osnago e Sirone in provincia di Lecco, dedicati alla produzione di imballaggi farmaceutici e dispositivi medicali, tra cui spray per la gola e soluzioni oftalmiche, oltre a packaging per la cura della persona e casa. I due impianti italiani sono specializzati nella progettazione e produzione di inalatori a polvere secca, con una produzione di oltre 60 milioni di unità all’anno.

La certificazione ISCC Plus consente di utilizzare in produzione materiali ottenuti con feedstock biobased e circolari attribuiti mediante bilancio di massa (mass balance), ottenendo resine con le stesse proprietà e prestazioni di quelle vergini, compresa l’idoneità al contatto con alimenti e altre prescrizioni, pur offrendo un beneficio in termini di emissioni di carbonio.

Le materie prime da biomassa o da riciclo chimico, utilizzate nella produzione di plastiche in fase di cracking, vengono attribuite alle resine con un processo verificato (gli input devono corrispondere agli output) e tracciabile lungo la filiera, fino ai prodotti finiti. Ecco perché è importante che la certificazione, condotta da enti indipendenti, copra non solo la produzione della plastica utilizzata nei packaging o in altri articoli, ma anche le successive fasi di trasformazione mantenendo traccia del contenuto biobased o riciclato.

Nel caso dei due stabilimenti italiani, le resine con attribuzione di feedstock da riciclo chimico (polietilene e polipropilene) variano dal 30 al 100 percento, in articoli dove i materiali da riciclo meccanico non possono essere impiegati.

La certificazione dei siti italiani segue quella dello stabilimento Berry Healthcare di Bangalore, in India, avvenuta a maggio. Le restanti attività Healthcare in Europa saranno certificate ISCC Plus nei prossimi mesi.

© Polimerica –  Riproduzione riservata